Corylus Avellana L. (Betulacee)

Nome comune: Nocciolo

Area di origine: Europa

Il Nocciolo č l'albero celtico per eccellenza, "albero signore" nel calendario arboricolo irlandese e simbolo di conoscenza delle scienze e delle arti. I Druidi usavano masticare nocciole prima di profetizzare, e incidevano gli incantesimi oghamici sui bastoni di Nocciolo sacri agli dei. Una leggenda narra che il re Cormac giunga alla fortezza ultraterrena di Manannan,

dove trova una fontana scintillante da cui si dipartono cinque ruscelli e da cui a turno alcuni uomini si dissetano. Attorno alla fonte si trovano nove Noccioli perenni color porporadi Buan, essi lasciano cadere le nocciole nell'acqua dove i salmoni se ne cibano lasciando galleggiare i gusci nella corrente. Lo stesso Manannan spiegherą poi a Cormac che i fiumi sono i cinque sensi dell'uomo, attraversi i quali si ottiene la conoscenza, impossibile da raggiungere senza essersi abbeverati alla fonte o ai ruscelli. La Nocciola č simbolo di conoscenza interiore, e di ispirazione poetica.

PROPRIETA' MAGICHE E CURATIVE: Le Nocciole tostate venivano usate contro il catarro, tritate e bevute in idromiele invece erano un ottimo rimedio contro la tosse persistente, a volte erano aggiunte al vino fatto di uva passa per curare le affezioni delle vie respiratorie. Oggi la medicina popolare utilizza l'infuso di foglie di nocciolo per la cura di febbri causate da affezioni all'apparato respiratorio e come antidiarroico, un decotto di corteccia viene considerato un buon rimedio contro febbri intermittenti e per uso esterno viene utilizzato come impacchi per le vene varicose ulcerate.

 

in rete da maggio 2000