........


__________________________________________________________________________________________________________________

Chi Siamo

d
La Stregoneria
La Storia delle Streghe
L'Inquisizione
Culti Pagani in Italia
Streghe d'autore
Luoghi Stregati
I Nomi delle Streghe
Pittura Pagana
I Simbolismi della Grande Madre

b
Come Cominciare
Sabba e Plenilunii
Visualizzazione
Herbarium Strigimagorum
Gli Elementali
Divinazione
Stregoneria dei Cristalli

e
Spiriti Verdi
I Nostri Boschi
La Cucina delle Streghe
I Musei sulla Stregoneria
Torino, Città del Diavolo?
Amici dei Camminanti
Le Nostre Fiabe
Musica Pagana
Istantanee
I Canti di Corte
Letture [s]consigliate

c
Voci di Streghe [Forum]
La Congrega [Chat]
Liber Spirituum [Guestbook]
I Buoni Vicini [Links Amici]
Buca delle e-lettere [Contatti]
Appuntamenti e Raduni
Crediti
__________________________









"C'è una musica nuova e allo stesso tempo antica, capace di risvegliare le anime assopite. E' un viaggio che, una volta intrapreso, potrebbe, da un attimo all'altro, farti perdere la voglia di tornare indietro. In un momento ti smarrisci tra le quelle note, ti ritrovi sospeso a mezz’aria come se fossi di nebbia, fluttuando appena sopra i ruvidi rovi, come allude il titolo del loro primo album. L’alchimia sprigionata dagli strumenti di questa band è fuori dal comune: ascoltando quella voce di luna e i suoni inusuali tratti dalle mani di quegli esseri strani vieni trascinato lontano, in una dimensione surreale che ti porta dritto tra le braccia della Grande Madre. Questo è MaterDea". MaterDea nasce nel 2008 dalla collaborazione tra Simon Papa e Marco Strega che danno vita ad una band caratterizzata da una grintosa ossatura rock che si amalgama alla perfezione con atmosfere di sapore più mistico e sognante, perfettamente supportato dalle voci, dal violino e dalle tastiere, pur rimanendo sempre solidamente ancorate ad una potente sezione ritmica. La perfetta sinergia tra la parte maschile e quella femminile, i costumi di scena, gli strumenti, le atmosfere musicali e gli intrecci vocali contribuiscono a rendere lo spettacolo unico e coinvolgente. Nel loro primo album “Below the Mists, Above the Brambles” (Capogiro Records -2009) si sono avvalsi della collaborazione musicale dell'accordionista scozzese John Whelan nella ballata “Another Trip to Skye” di cui hanno prodotto l'omonimo video-clip. Nel 2011 la band produce il secondo album “Satyricon” (Midsummer's Eve - 2011) che esce in autunno insieme al nuovo videoclip ispirato al brano “Lady of Inverness” e colleziona molte recensioni estremamente positive sia in Italia che all’estero. Tra il 2011 e il 2012 la band partecipa a numerosi importanti Festivals italiani ed esteri tra i quali spiccano il Pipes and Drums Celtic Festival (Ginevra), il Fosch Fest (BG), il Triskell Festival (TS), il Tarvisium Celtica di (TV) Nel 2012 l’attività live continua all’Insubria Festival (MI), il Beltane Festival (BI), il Celtic Days Festival (BS) ed il Female & Folk Fest (MI). Nell’autunno del 2012 MaterDea entra nella scuderia di DRACMA Records e inizia la produzione del terzo album, "A Rose for Egeria", tuttora in lavorazione. Con i brani “Another Trip to Skye” e “Fairy of the Moor” i MaterDea si sono piazzati ai primi posti delle programmazioni delle radio podcast internazionali come: Celtic Radio (Scozia) – Radio Aena (Germania) - ImRadio (Illinoise) – Irfc Radio (Irlanda) – Pagan Fm (Inghilterra) - Radio Schlag-Fertig (Germania) – Underground City Radio (Belgio) – Kzum Radio (Nebraska) – All Irish Radio (Irlanda) – Radio Zygomar (Francia) – Power of Prog (Florida) e sono stati votati per due anni “Artisti del mese” dalla radio Pagan Radio Network (California). I MaterDea lavorano in collaborazione con Keltoi Radio, il podcast più popolare in Italia di musica celtica.

Grazie a Barbara Coffani per Bacchanale

La Band
Simon Papa: Voce
Marco Strega: Chitarra
Elisabetta Bosio: Violino
Morgan DeVirgilis: Basso
Elena Crolle: Tastiere
Cosimo De Nola: Batteria

Contatti
mail: management.materdea@dracmarecords.com
website: www.materdea.com
facebook: https://www.facebook.com/MaterDea
youtube: www.youtube.com/user/MaterDea?feature=mhee
twitter: twitter.com/materdea1
reverbnation: www.reverbnation.com/materdea
press: www.materdea.com/press

Management e Label
Lucas Italia - Via Monteu da Po, 7, Turin, IT.
http://www.lucasitalia.it - info@lucasitalia.it
Dracmarecords - Via Banfo 24/C - 10155 - Torino - 0039 011280008
http://label.dracmarecords.com - label@dracmarecords.com
__________________________________________________________________________________________________________________


Lo gruppo di musici nomato come "li FUTHARK" dalle cronache nascono nello anno domini duemilaottavo con lo mirabolante intento di portare nelle piazze la meravigliosa e potente musica delle loro cornamuse e delli loro tamburi tonanti.Michael lo danese et Andrew il Normanno sono li fondatori di quello che si rivelerà in seguito uno delli gruppi più popolari e benvoluti nello scenario italico.Dopo lo primo anno di assestamento li FUTHARK prendono forma completa e cominciano ad aumentare sempre maggiormente le loro sublimi esibizioni. Molti uomini d'arme, signori di indubbia potenza, richiedono sempre più li servigi delli musici, che nello anno duemiladecimo arrivano ad essere indubbiamente uno delli gruppi itineranti con più cocerti e manifestazioni all'attivo.Sempre nello mirabolante anno duemiladecimo avvengono due meravigliosi stravolgimenti: viene accolto lo apprendista tamburino Taran l'irlandese, lo Dio del fulmine, che affiancato allo primo tamburista abbellitore Nuada, lo figlio di Scozia, abbellisce, con la potenza dei suoi tamburi, la struttura portante della potenza tonante delli FUTHARK. Sotto la sapiente guida dello primo tamburista Nuada, passato dalli tamburi alla pipa medievale insieme a li fondatori Michael et Andrew, lo scopo dello nuovo tamburista Taran è quello di rendere ancor più aggressiva la musica de questi cinque folli; naturalmente lo lavoro dello tamburista è abbellito dalla potenza dello grancassista Nik, lo signore di Alberobello.Lo secondo sconvolgimento è dato nello settembre duemiladecimo dalla fuoriuscita dello abbellitore vocale e tammorrista Simon, ormai non più in grado di seguire li musici nelle loro estenuanti peregrinazioni.Già dallo anno duemilaottavo li FUTHARK sono costretti a ritrovarsi in uno magico loco per incidere su supporti stregoneschi la loro musica de guerra: nasce da questo loco un lavoro soprannaturale dal titolo FABULAE ANTIQUAE, lo primo disculo che riceve un ottimo successoSulla spinta di questo mirabolante successo li musici incidono nello anno duemiladecimo PENITENZIAGITE, che viene in breve acclamato dal pubblico, vendento svariate centinaie di copie nei primi mesi.Ad oggi li FUTHARK godono di fama in tutta la penisola, con quasi un centinaio di concerti all'attivo e svariate migliaia di disculi venduti allo pubblico.Sempre nello mezzo dell'azione, li musici hanno inciso nello anno domini duemilaundicesimo lo mirabolante PEREGRINATIO, frutto della registrazione di uno spettacolo dal vivo. Lo ultimo lavoro, nomato Sine Requie, doppio cd in studio e live dell'anno duemiladodicesimo, riecheggia ormai in molte case di avventori che hanno avuto la fortuna di ascoltarli. Per cui, Messeri e gentili Dame, se volete che lo vostro borgo, la vostra festa et qualsivoglia manifestazione goliardica sia investito/a dalla mirabolante et potente musica delli FUTHARK non esitate a contattare, non ne resterete delusi. UP THE FUTHARK!

Contatti

http://www.youtube.com/watch?v=mI-uqhCEKGY
http://www.youtube.com/watch?v=2E2xsJs_AXY
Nuada 3332490764
__________________________________________________________________________________________________________________

Band gothic-pagan rock insubre, i Sidhe, nascono per volontà di Rob (chitarrista Longobardeath ed ex Vexed, AleaJacta, My last keen), e della sua compagna Tytanja alla voce. Sidhe in gaelico significa “popolo delle colline” o “popolo fatato”, un nome scelto per presentare la band nel contesto appropriato, un mondo fatto di fate, folletti, creature della mitologia nordica e celtica, ma soprattutto un mondo di streghe. Durante i primi mesi del 2006 si aggiungono al progetto il batterista Miky (Vexed, Tethra, MadHour), Vins (ex Vexed) al sinth/tastiere, Enrico alla chitarra e Dervel seconda voce, con questa formazione i Sidhe riescono cosi a proporsi dal vivo e a fare i loro primi concerti, partecipano nel settembre 2006 al 5° convegno sulla stregoneria: “Dalle guaritrici di Campagna alla Wicca moderna” e nel maggio 2007 alla 11° edizione della festa di Beltane di Masserano in apertura agli ungheresi “The Moon and the Nightspirit”, nel luglio 2008 partecipano invece al festival “Rock inn somma”. All’inizi del 2011 Rob a seguito di un’ulteriore modifica della line-up e con la decisione di abbandonare l’utilizzo di sinth e tastiere compone nuovi pezzi con l’intento di realizzare il primo full-length e tornare a promuovere il progetto nell’attività live! Il 5 maggio 2012 viene presentato ufficialmente il debut cd autoprodotto, al concerto durante la 16° festa di Beltane di Masserano (BI) in apertura ai MaterDea nello stesso festival con la band pagan-rock britannica Inkubus Sukkubus. Negli spettacoli live ci avvaliamo della collaborazione di due danzatrici di bellydance, che arricchiscono di coreografia e gestualità rituale i nostri concerti! Il disco di debutto si intitola: “She is a witch” , è un disco di 8 canzoni che spaziano tra il goth-rock e il doom più classico, con tematiche ricche di contenuti esoterici, neopagani e riferimenti alla stregoneria, all’antica religione e alla Wicca! La maggior parte dei brani sono cantati in inglese tranne due tracce dove abbiamo voluto metterci alla prova con la lingua italiana, più semplice per noi per quanto riguarda l’espressività dei concetti ma più dura da inserire in un contesto musicale dove la cantabilità dell’inglese regna sovrana! Le influenze musicali derivano prevalentemente da band a noi a care come “Cathedral”, “Type o negative”, “Paradise Lost”, e qualche reminescenza “The Gathering”, ascoltando le nostre canzoni però vi accorgerete dell’inusuale timbrica vocale, per questo genere, di Tytanja che in effetti proviene da scuole più vicine al Soul e al Rock seventies, Janis Joplin e Aretha Franklin per richiamare due importanti influenze. Un mix insolito su cui abbiamo lavorato e stiamo lavorando per creare il nostro stile musicale.

La Band

Tytanja : Voce
Rob : Chitarra
Vins : Basso
Mike : Batteria

Contatti:

sito:www.sidhe-paganrock.com
mail: info@sidhe-paganrock.com
pagina FB: www.facebook.com/sidhebandvideo live: www.youtube.com/watch?v=JBfy2FMEMt0&feature=relmfu
videoclip ufficiale: www.youtube.com/watch?v=6xR3fHwvsyI

free web counter  
All copyrights reserved - © Domus de Janas 2000/2013